Crea sito

GlobeTrotter - Diari di Viaggio

Condividi su facebook

Una notte nel Castello, un'esperienza da favola..

Un'idea per una ricorrenza speciale.... tipo il 1° anniversario di matrimonio.... o anche il 50° perchè no?
Io il mio 1° anniversario di nozze l'ho festeggiato così:

Ho prenotato il pacchetto "suite + cena romantica + visita al castello" al Castello di Pavone Canavese, vicino a Biella. Abbiamo passato un'intera notte all'interno del castello!

Siamo arrivati al castello domenica pomeriggio, dopo essere stati a Bard, in val d'Aosta, per il Marchè au Fort (giornata di degustazione di prodotti tipici nella scenografica cornice del borgo di bard), con immancabile acquisto di fontina.

Castello pavoneAppena arrivati ci hanno accompagnati alla suite n° 452 chiamata "appartamento reale del pavone" ubicata in un torrione e con vista panoramica su due lati del castello. Ciò che ci ha subito impressionati è stata la dimensione del letto matrimoniale: ci starebbero comodamente tre persone. Ovviamente tutto è in rigoroso stile medievale, i mobili, le decorazioni e le pareti sono riccamente decorate. Inoltre tutte le finestre del castello sono decorate con stemmi nobiliari a mosaico.

Sul tavolino della camera abbiamo trovato un omaggio costituito da un vassoietto di pasticcini da tè e un volumetto che segnala gli operatori gastronomici della provincia di Torino (pasticcerie, panetterie, gelaterie, salumerie, enoteche, etc.).

Alle 19 ci hanno accompagnati nella visita alle parti accessibili del castello, che sono per lo più le sale, più o meno grandi che costituiscono l’attuale ristorante oppure, al piano nobiliare, vengono utilizzate per convegni e cerimonie. Una di queste, la più grande, che viene generalmente utilizzata per i matrimoni, conserva ancora l’originario parquet fatto di grandi assi inchiodate.
Una delle parti più suggestive del castello è la corte interna, con un grande pozzo di forma esagonale.

Castello pavone Il pacchetto che avevamo scelto comprendeva la cena “creazione dello chef”. Ci hanno servito:
uno stuzzichino composto da gnocco fritto con crudo, un antipasto di uovo in camicia impanato su un letto di radicchio rosso stufato concrema di fonduta, un primo di cannelloni di salsiccia e ricotta, un secondo di filetto steccato con parmigiano con pere caramellate, e come dessert un semifreddo all’after eight.

La colazione è a buffet ed è servita in una bellissima saletta con tanto di armatura posta in un angolo, quasi a sorvegliare il tavolo imbandito di brioches, marmellate, corn flakes, salumi, formaggi, yogurt torte e succhi.

Verso le 10 di lunedì mattina, col portafoglio più leggero ma con gli occhi ancora pieni di quella particolare esperienza, siamo partiti alla scoperta del lago di Viverone e dell’abitato medievale di Candelo, vicino a Biella, inserito tra i Borghi più belli d’Italia.

Insomma, un’esperienza che consiglio a tutti coloro che vogliono regalarsi un momento a due decisamente speciale.

Condividi su facebook

Seguici anche su :